E-wine

pubblicato in: Gestionale | 0

Tag: Software, Cloud | Categoria: Gestionale

E-wine

E-wine è il software per cantine e aziende vitivinicole italiano, pensato e realizzato per la gestione della cantina, integrato e completo di tutte le funzionalità che accompagnano la produzione e la vendita del vino. Partendo dalla vigna e arrivando fino allo scaffale, E-wine è l’unico ERP specifico per cantine e settore enologico, che riesce a gestire, in tempo reale, tutte le attività produttive, amministrative e commerciali, non dimenticando il controllo di gestione e dei costi industriali.


Offerta a progetto
Richiedi informazioni
Powered by:

E-wine è fornito dei seguenti Moduli:
Contabilità Generale: integrazione con analitica, acquisti e vendite, cantina. Comprende bilanci riclassificati, invio spesometro e liquidazione IVA trimestrale.
Gestione Magazzino: comprende vari tipi di valorizzazioni e gestione inventario, classificazione commerciale dei prodotti, integrazione SIAN.
Acquisti e Vendite, Statistiche di vendita: fatturazione attiva e passiva, collegamento con altri settori (fido, analitica, margine di contribuzione), listini, integrazione SIAN.
Gestione Produzione Base: commesse di produzione, distinta base, integrazione SIAN, fabbisogni.
Gestione Vendemmia, Cantina, Registri Telematici: integrazione con Fatturazione e Produzione, Conferimenti, Gestione catastini annuali, strumenti di verifica SIAN.
Lavorazioni Agricole: lavorazioni per quaderno di campagna, integrazione magazzino e gestione dipendenti, costi agricoli a standard ed effettivi.

E-wine nasce per le aziende che producono uva e commercializzano il prodotto trasformato, sfuso e imbottigliato.

Cliente tipo

  • produzione di uva da 500 a 5.000 quintali;
  • commercializzazione da 20.000 a 200.000 bottiglie

Consigliato a

  • Sedi remote legate ad aziende più grandi con una connotazione agricola;
  • Aziende a conduzione familiare;
  • Piccole aziende che affidano il loro prodotto ad un singolo distributore;
  • Aziende con un punto vendita

Una gestione snella ma capace di risolvere tutte le problematiche di realtà in crescita che necessitano di strutturarsi per affrontare le sfide del mercato.

  1. Unico e integrato: ogni applicazione accede ad un unico database; ogni singolo dato viene condiviso a tutte le applicazioni in tempo reale e non esistono operazioni di import/export dati tra le centinaia di applicazioni esistenti.
  2. Dotato di logiche di business: E-wine è uno dei pochi sistemi ERP quasi esclusivamente sviluppato su
Stored Procedures. A parità di procedura e codice SQL, se la procedura viene eseguita sul server si hanno performance decine di volte superiori, e ciò è dovuto al motore di ottimizzazione interno di SQL Server. Inoltre, la scelta di sviluppare circa l’80% delle procedure di inserimento, modifica e cancellazione di dati tramite stored procedures ha dato i seguenti vantaggi collaterali: mantenimento di procedure esistenti anche con il cambio delle piattaforme applicative client; congruità dei dati dettata dalle definizioni ER del database; possibilità di utilizzare triggers per delegare al server attività di controllo dati.
  3. Case sensitive: E-wine è stato sviluppato con il dizionario dei caratteri Case Sensitive allo scopo di accelerare le performance del sistema nei meccanismi di query (le ricerche avvengono su un numero più ristretto di caratteri) e rendere i dati più “ordinati” – molte applicazioni hanno i caratteri maiuscoli obbligatori allo scopo di rendere le stampe più facilmente leggibili.
  4. Costantemente disconnesso: oltre all’utilizzo di database disconnessi, il team LookOut ha fatto sempre molta attenzione a sviluppare procedure e query che alla fine delle operazioni chiudono le connessioni con il database; tale funzionalità è stata resa obbligatoria nel passaggio alla versione 7.0 di SQL Server che considerava una connessione=una licenza client; in sintesi, bastava aprire un paio di applicazioni e il resto degli utenti rimaneva bloccato in attesa di connessione. Il risultato tecnico sono un server costantemente “scarico” e maggiore scalabilità (si veda più avanti). Il database E-wine è dotato di decine di viste liberamente utilizzabili tramite Word ed Excel se l’utente è autorizzato dal DBA.
  5. Ambiente Windows su data base SQL Server: utilizzabile da remoto tramite qualsiasi Sistema Operativo.

Requisiti

Remote Desktop Protocol (RDP) da qualsiasi piattaforma.

  • Database unico
    E-wine è dotato di un unico database e tutte le applicazioni insistono e collaborano all’alimentazione dello stesso: sullo stesso database sono rilevabili dati relativi ad ogni unità operativa aziendale.
  • Database unico multi società
    In E-wine non esiste un database per ogni singola società gestita. Il database è unico, partizionato in forma logica con un codice società, in modo tale che appena una struttura viene modificata, questa modifica appare visibile immediatamente a tutta l’utenza del sistema. Inoltre è possibile, su richiesta, condividere dati su tabelle comuni.
  • Totale copertura delle necessità applicative di una cantina
    La caratteristica essenziale di un ERP è disporre del numero maggiore possibile di applicazioni che coprano il più largo raggio di unità operative aziendali. In E-wine non vi è un reparto operativo che non sia stato informatizzato.
  • Velocità di elaborazione
    In E-wine le applicazioni eseguibili risiedono direttamente sui client (viene completamente eliminato il traffico di rete tra server e client nel momento dell’avvio delle applicazioni). In E-wine sono utilizzate ampiamente le stored procedures (viene limitato enormemente il traffico tra server e client).
  • High Availability
    Posizionando gli eseguibili sul client e non sul server non è necessario fare uscire tutti gli utenti dal sistema per effettuare un aggiornamento. Chiudendo continuamente le connessioni vengono minimizzate (pressoché annullate) situazioni di deadlock ed è inoltre possibile modificare tabelle e procedure sul server di produzione senza che debbano essere interrotte le attività operative.
  • Scalabilità
    LookOut è un sistema scalabile dal punto di vista del carico di lavoro (un sistema software deve aumentare le proprie prestazioni in funzione della potenza di calcolo complessiva che viene dedicata alla sua esecuzione), dal punto di vista geografico (un sistema geograficamente scalabile è quello che mantiene inalterata la sua usabilità e utilità indipendentemente te dalla distanza fisica dei suoi utenti o delle sue risorse), dal punto di vista amministrativo (un sistema amministrativamente scalabile è quello che mantiene inalterata la sua gestibilità indipendentemente da quante organizzazioni lo utilizzano.
  • Tracciabilità
    E-wine è uno dei pochi software dotato di un’applicazione di tracciabilità. Suona strano ma è così. Tutti i software in realtà sono in grado di elaborare solo la “rintracciabilità”, operazione facile da calcolare per un computer, dalla bottiglia si va a ritroso fino all’uva. Ma se si prova a vedere dove è finito un certo prodotto, l’uva ad esempio, le cose possono complicarsi; l’uva può usata in decine di masse, e si possono aprire migliaia di rami della tracciabilità se si vuole ricercare il lotto di una bottiglia di destinazione. L’applicazione di tracciabilità di E-wine, realizzata con stored procedures anche questa, è in grado di effettuare tutte queste elaborazioni senza andare in time out; alcune elaborazioni che in E-wine possono avere un tempo di esecuzione di 15 minuti in altri sistemi, dove l’elaborazione viene fatta dal PC, neanche vengono eseguite.
  • Multicanalità
    E-wine è multicanale già da diversi anni. Anche in questo caso la struttura a stored procedures permette di realizzare nuove applicazioni su piattaforme differenti grazie al semplice incapsulamento di procedure già esistenti.
  • Congruità dei dati
    E-wine è una delle poche applicazioni sul mercato interamente transazionali, un’operazione che riguarda una moltitudine di tabelle risulta generalmente o completamente eseguita o inesistente a livello di sistema; tale caratteristica, insieme alla definizione di foreign keys e all’utilizzo di triggers, rende il sistema e il suo database implicitamente congruo dal punto di vista dei dati.
  • Apertura ad altre applicazioni
    Il database di E-wine, sotto opportune autorizzazioni e in base agli utenti abilitati, è leggibile direttamente dalle applicazioni di Office e qualsiasi altra piattaforma voglia accedere al database.
  • Controllo remoto
    Il controllo remoto può essere totale, sia a livello sistemistico che applicativo, e ciò a livello server e a livello client.
  • Configurabilità spinta
    E-wine ha un’elevata configurabilità data da due applicazioni, una denominata Tabelle di Supporto e un’altra denominata Automatismi Contabili. Le Tabelle di supporto permettono di configurare classificazioni anagrafiche, di mercato, di lingua liberamente da parte dell’utenza senza bisogno dell’intervento di programmatori; gli automatismi contabili permettono di elaborare piani dei conti non ancorati a schemi predefiniti e poi agganciare i conti aziendali ai conteggi automatici dell’IVA, dei pagamenti, e così via.
  • Gestione del workflow, iter autorizzativo, logging delle transazioni
    Il workflow in E-wine è completamente configurabile da parte dell’utente autorizzato a modificare le strutture. Possono essere definiti più tipi di documenti, in varie lingue, ed essere legati ad altri documenti (si pensi alla struttura ordine-bolla-fattura-nota di credito). I tipi documento possono essere utilizzabili da tutti o, a scelta, sotto controllo di autenticazione. Inoltre, possono essere attivate procedure di blocco (e relativo sblocco) in base a parametri definibili, quali ad esempio evasione di un ordine per clientela fuori fido, o con insoluti, o con condizioni di pagamento non standard. Esistono applicazioni che permettono un’autorizzazione massiva di documenti da parte del supervisore. Ogni operazione, in E-wine viene “loggata”, compresa l’esecuzione di una singola applicazione. Può essere monitorato il numero di volte che un determinato utente ha eseguito un’applicazione, chi ha inserito o modificato per ultimo un’anagrafica, chi ha effettuato una registrazione contabile o emesso una fattura.